Cioccolatini gourmet: una guida per i “choco-addicts”

Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Rosa, gourmet e anche in formato birra. Il meglio dei piaceri gastronomici, nella sua versione più originale ed esclusiva.

Il cioccolato è uno degli alimenti più ricercati, deliziosi e attraenti nel mondo gourmet. Per alcuni è quasi una religione che richiede alte dosi di dedizione e conoscenza. Oggi parliamo di dieci consigli, indicazioni e novità da non perdere se quello che senti del cioccolato è pura passione.

Gli Affinati: cioccolatini “raffinati” con gli ingredienti più esclusivi

Compresse della linea Gli Affinati del marchio italiano Sabadì

A Modica il cioccolato crudo non è una novità, ma una tradizione, perché in questa città siciliana il cioccolato è sempre lavorato a basse temperature. Ciò è dovuto alla sua caratteristica consistenza, più granulosa, perché lo zucchero non si scioglie completamente.

Modica è all’origine di diversi progetti di Simone Sabaini, ideatore del brand di cioccolato gourmet Sabadì. La sua ultima invenzione è una cantina di raffinazione del cioccolato che pretende di essere la prima al mondo. Da qui nasce la sua elegante linea di pastiglie Gli Affinati che sottopone il cioccolato ad un naturale processo di assorbimento degli aromi, facilitato dalla componente grassa del cacao stesso.

Compresse della linea Gli Affinati del marchio italiano Sabadì

Il cioccolato, in altre parole, passa un po ‘di tempo in botti circondato dalle varietà più esclusive di tè, tabacchi, fiori, erbe, spezie, resine, frutti o legni infusi di vini pregiati. Le compresse in edizione limitata sono fornite in scatole di metallo che ne preservano l’aroma. Tè Lapsang Souchong, lavanda, noce moscata, brandy, fiori di ibisco, fiori d’arancio, camomilla … Le compresse costano 7 euro e possono essere acquistate online. Oppure possono diventare una buona scusa per andare a Modica e provare in prima persona uno dei migliori cioccolatini del mondo.

La Virgen: versione birra al cioccolato

Chocobollo, birra scura con pepite di cacao La Virgen

Cioccolato e birra? Perchè no? Dalla mano di La Virgen, marchio di birra le cui proposte sono tanto audaci quanto vincenti, nasce un “dessert” originalissimo.

Si chiama Chocobollo ed è il primo e unico dolce prodotto da La Fábrica. È una birra scura Double Imperial prodotta con vari tipi di malto, luppolo WILLAMETTE e fave di cacao Valrhona infuse a freddo. È una tiratura limitata in botte e bottiglia ed è perfetta, dicono, con le arachidi con il miele. Oppure con una buona tavoletta di cioccolato fondente. Aggiornare il dolce pianeta dal punto di vista della birra.

Come gustare il “cioccolato rosa”

Chocolate Ruby – © Barry Callebaut

Presentato ufficialmente poco più di un anno fa, il cioccolato Ruby è un tipo di cioccolato naturale estratto dalla fava di cacao della varietà Ruby, da cui il nome. La caratteristica più attraente di questo cacao proveniente dall’Ecuador, dalla Costa d’Avorio e dal Brasile è il suo colore, capace di dare un tono rosato al cioccolato. Il suo sapore di frutti rossi, né amaro né dolce, è un’altra delle sue peculiarità.

Chocolate Ruby – © Barry Callebaut

L’invenzione si deve all’azienda Barry Callebaut che vanta Ruby come la più grande innovazione nel mondo del cioccolato dai tempi del cioccolato bianco, introdotto da Nestlé non meno di 80 anni fa. È il quarto cioccolato, che si unisce ai classici nero, latte e bianco.

Cioccoterapia per il raffreddore

L’infusione di Chocotherapy Happy-Lab

Un tè, un caffè o un infuso? Non c’è bisogno di scegliere. L’azienda barcellonese Happy-Lab, la cui missione è fornire felicità ai propri clienti combinando fiori ed erbe, produce un infuso di cioccolato chiamato Chocoterapia.

Ha rooibos, il tè rosso africano, senza teina, cocco, ananas, papaia, mela, calendula, girasole, cannella e cacao. È antiossidante e stimolante. Il mix perfetto per coccolarti e per tirarti su il morale durante le giornate più fredde dell’anno.

link di riferimento

Sabadi

Valrhona

Cervezaslavirgen

Barry Callebaut

Happy-lab