SpaceX esegue con successo un test criogenico per la propulsione dei suoi razzi!

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Nei test criogenici, la società di Elon Musk ha sviluppato un metodo di gestione del propellente e uno scudo termico protettivo per le proprie navi che faciliterebbero i futuri lanci.

Quando parliamo di criogenia, tutti pensiamo a Walt Disney, oa Fry di Futurama, o al Dr. Bedford, il primo uomo – questo davvero – che è stato criogenizzato. Non viene spesso preso in considerazione che la criogenesi si riferisce a qualsiasi tecnica che utilizzi il congelamento a temperature estreme e uno dei suoi usi all’avanguardia è l’industria aerospaziale. No, non si tratta di congelare gli astronauti per svegliarli a milioni di anni luce di distanza senza che il tempo sia passato. Si tratta di qualcosa di molto più elementare, la tecnologia che consente a un razzo di decollare in modo che raggiunga lo spazio.

L’uso di azoto liquido e la combinazione di ossigeno liquido e metano a temperature comprese tra -200º e -160ºC è stato un enorme progresso nella propulsione aerospaziale, ma pone la sfida di affrontare temperature e pressioni estreme che possono colpire il razzo nel suolo. Entrambe le sostanze sono usate come propellenti, cioè il propellente esplosivo dei razzi – qualcosa come il loro carburante. Creano gas ad alta pressione e alta temperatura che guidano il lancio del veicolo spaziale, ma sono anche un pericolo. Ecco perché l’ultimo test criogenico di SpaceX, l’azienda aerospaziale di Elon Musk, è così importante.

Nonostante le virtù propellenti dell’azoto liquido e la combinazione di ossigeno e metano, le sue temperature estremamente basse raffreddano i metalli della nave e congelano il vapore acqueo nell’aria. Questa è la ragione del gelo che a volte vediamo sulle parti del razzo, ma il suo danno può essere molto maggiore.