Settimana della moda di Parigi: tutte le tendenze moda uomo autunno 2022

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

C’è di tutto: maxi cappotti, abiti in lana e colori d’effetto come l’arancione. Ecco come vestiremo gli uomini durante la prossima stagione fredda.

Parigi, storica culla della moda, apre questo 2022 con gli occhi già puntati sul prossimo autunno-inverno. Il grande paradosso di un mondo – quello delle tendenze – che anticipa i tempi. Un tempo che sembra freddo, molto freddo. Per questo non sorprende che le aziende che hanno partecipato alla Fashion Week nella capitale francese abbiano ideato capi che hanno cappotti lunghi o imbottiti come massimi esponenti di una stagione che promette di bandire per sempre le silhouette aderenti. Potrebbe essere questo il consolidamento delle fantasie oversize nel guardaroba maschile? Tutto sembra indicare di sì.

La moda urbana, di ispirazione cosmopolita, è ancora una volta presente nella stragrande maggioranza dei modelli di abbigliamento maschile. Ci sono tutti i tipi di riferimenti. Ma Parigi, oh Parigi!, e lo stile di chi vive in città hanno ispirato più di uno stilista. Ci sono proposte di tutti i tipi: audaci, che ricordano lo chic, con un tocco anni Settanta e alcune altre che ci ricordano l’inesorabile anticipo delle tendenze degli anni 2000. Vi ricordate quella tendenza dei pantaloni dritti, larghi e posti sotto la vita? Ulteriore prova che il prefisso “extra-” sarà allegato a nomi come “grande” o “ordinario”. Vi abbiamo già avvertito: la moda pacchiana oggi è più di una semplice minaccia alla moda.

La Paris Fashion Week fa appello anche all’importanza di vestirsi con colori forti che vanno dall’ocra, al rosso satinato, passando per il viola o il giallo fluo. Una tavolozza cromatica che si impegna a riempire di colore le giornate più grigie. Anche se ci sono anche i grigi. E se ci fossero: pochi, pochissimi designer, hanno saputo evitare di non cadere in questa tonalità. La ragione? Nessuno potrà mai dire di lei che non rappresenti la via di mezzo. Di seguito, diamo uno sguardo ad alcune delle tendenze chiave individuate nelle sfilate dei più grandi marchi che hanno abbellito la passerella di Parigi.

Il potere del grigio

Vestire di grigio: ecco la domanda. Questo colore potrebbe benissimo essere uno dei più determinanti per il prossimo autunno. Lo sanno da Ami Paris che, insieme ad arancioni e neri, ne hanno fatto il colore protagonista di una collezione ispirata al buon vestito dei parigini. Tre di lana che si accostano a capi dello stesso tessuto e così passano a nuove silhouette per l’uomo contemporaneo. Una collezione dove i capi sono diventati molto più concettuali, liberi ed eccentrici. Ma non importa: osa e festeggia la prossima stagione in questo modo.

Imbottito + imbottito + imbottito

Non vorremmo aggiungere un nuovo “padding” al titolo che accompagna questa immagine. Anche se potremmo. Perché, tra le proposte di Rains, c’è quella di accostare capispalla a imbottiture fino ad esaurimento. Per i freddi o per gli amanti di qualsiasi sport che abbia a che fare con la neve. Per segnare qualsiasi fuoripista invernale (senza lasciare la grande città) bisognerebbe copiare questa soffice proposta del brand.

Doppio denim

Non fallisce. Vestire con il double denim è sempre un successo. Per questo, da Y/Project si propongono di farlo attraverso un look che esalti tutti quei dettagli che di solito passano inosservati in giacche e jeans: i bottoni. L’azienda ce lo presenta attraverso pezzi sovrapposti che guadagnano punti con il movimento. Non dimenticano gli accessori in pelle color cammello. Perché l’estetica da cowboy non si distrugge: si trasforma attraverso outfit audaci come questo.

Architettura con design

Le proposte di Issey Miyake sono considerate come la struttura di una tenda. Ed è così che ha concepito una collezione che gioca con gli elementi architettonici per garantire che i capi abbiano una vita propria con il movimento. Texture plissettate e trapuntate definiscono una collezione che cerca di trovare silhouette originali… senza dimenticare la loro praticità.