I migliori quartieri del mondo per comprare arte

Tempo stimato di lettura: 5 minuti

Alcuni quartieri ospitano una grande concentrazione di gallerie e spazi artistici: sono questi i nuovi epicentri artistici.

Le mappe dell’arte si muovono, c’è una calamita magica che attira le gallerie e le concentra nei diversi quartieri delle capitali più attive, trasformandole in mecche della geografia artistica. Visitiamo e riscopriamo i quartieri più interessanti di New York, Londra, Parigi, Oslo e Miami. Per contrassegnare nel browser successivo.

New York. Tribeca

The Untitled Space.

Più di 60 gallerie sono concentrate nelle strade di questo mitico quartiere che ora sta assumendo un nuovo ruolo.

Canada.

C’è una New York prima della pandemia e un’altra dopo. Per quanto riguarda il mondo dell’arte contemporanea, vive una sorta di effetto boomerang, un viaggio di andata e ritorno. Le gallerie emigrate a Chelsea qualche decennio fa stanno tornando al Triangle Below Canal e sono l’esca perfetta per nuove aperture.

R&Company.

Seguiamo da vicino The Untitled Space, con artisti che esplorano l’ideologia dei limiti attraverso la pittura, la fotografia, il video…; CANADA, con un’offerta visiva impeccabile; James Cohan, con i migliori nomi della scena attuale; Bortolami, con un programma che mette in contatto gli artisti con la città; e R&Company, molto impegnata nel far conoscere l’arte alle migliori fiere internazionali.

Londra. sponda orientale

Andipa Gallery.

Il nuovo epicentro artistico della capitale britannica accoglie nuove gallerie con scommesse di valore.

Tryon Galleries.

Purdy Hicks.

Vuole continuare ad essere la capitale che fa tendenza e, anche, nell’universo dell’arte contemporanea. Vive e mutevole in ogni decennio, in questo momento le sue migliori proposte sono concentrate nell’East Bank, meta prediletta dagli amanti dell’arte di nuova generazione. I suoi appuntamenti essenziali sono a: Andipa Gallery, che offre di tutto, da Banksy o Marc Quinn a Henri Matisse o Joan Miró; Tryon Galleries, una svolta più classica sull’arte contemporanea; Purdy Hicks, pittura, fotografia… ed edizioni squisite; e Black Box Projects, aperti a qualsiasi espressione culturale ma con un focus speciale sulla fotografia più audace e creativa.

Parigi. Le Marais

Thaddaeus Ropac.

La Città della Luce mostra tutta la sua eleganza in questo arrondissement che pretende di essere un epicentro artistico. Parigi è puro fascino in tutte le sue strade e Le Marais è un quartiere vivace e mutevole che accoglie le ultime tendenze artistiche; un mix molto allettante e sofisticato che mira a dare nuovi frutti.

Art:Concept.

Tra le tante gallerie d’arte contemporanea che si incontrano in questo quartiere, ci piace particolarmente: Thaddaeus Ropac, sempre attento alle nuove tendenze ma senza dimenticare i grandi come Miquel Barceló, Georg Baselitz, Tony Cragg, Roy Lichtenstein, Andy Wharhol… . ; Art: Concept, trasgressivo e con proposte molto innovative in qualsiasi disciplina;

Perrotin.

Perrotin, che oltre a esporre la migliore arte contemporanea, partecipa ogni anno a più di 20 fiere, organizza laboratori didattici e pubblica cataloghi ed edizioni di altissima qualità; e Christian Berst, specializzato in art brut.

Oslo. Tjuvholmen

Brandstup.

La creatività nordica e il suo legame diretto con la natura e la sostenibilità si esprime in opere che trovano posto nelle gallerie di questo quartiere.

Peder Lund.

L’Astrup Fearnley Museum, progettato da Renzo Piano, che ospita una squisita collezione privata di arte contemporanea, è stato come una calamita per le aperture di gallerie d’arte nei suoi dintorni. In questo quartiere, che si affaccia sul fiordo della capitale norvegese, si concentra la maggior parte degli spazi espositivi con un’offerta incredibile.

Fineart.

E le proposte non smettono di crescere. Durante una vacanza a Oslo è fondamentale visitare: Brandstrup, per scoprire artisti nordici emergenti e affermati; Peder Lund, un punto di riferimento tra i collezionisti scandinavi; Fineart, con oltre 1.500 m2 di spazio espositivo dedicato all’arte norvegese che comprende fotografia, incisione, olio, acrilico…; e Haaken, famoso per aver rappresentato Picasso in Norvegia e con un portfolio degli artisti più selezionati.

Miami. Wynwood

Emerson Dorsch.

Questo distretto è una fucina di nuove idee e un vivaio per artisti emergenti provenienti da tutto il mondo.

Locust Projets.

La capitale nordamericana della street art ha un focus super attivo quando si tratta di arte contemporanea. Le gallerie sono raggruppate in quest’area, per deliziare la gente del posto e i visitatori che amano questa espressione creativa. In un tour di Miami, non può mancare una visita a: Avant Gallery, il cui portfolio comprende artisti emergenti e affermati come Andy Wharhol o Anish Kapoor; Emerson Dorsch, molto audace e di successo con le loro proposte; Locust Projets, un incubatore di nuove idee artistiche fisiche e digitali che propone un calendario molto allettante; e Fredric Snitzer, un pioniere nella diffusione dell’arte sudamericana e, soprattutto cubana, a Miami.

Fredric Snitzer.