Tradizioni Natalizie – Scopriamole insieme!

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Mancano venti giorni al giorno più atteso da tutti i bambini del mondo, ma sappiamo veramente tutte le tradizioni?

Molte sono le tradizioni, le pratiche ed i simboli familiari del Natale, come l’albero di Natale, lo zampone, il cotechino, il ceppo di Natale, l’agrifoglio, il vischio, la stella di Natale, lo scambio di doni, già presenti nelle tradizioni di alcuni popoli nordici prima dell’introduzione del cristianesimo. Le celebrazioni del solstizio invernale erano molto diffuse e popolari nel Nord Europa, e prima che fossero immesse nella tradizione cristiana, la parola Natale era definita con yul, da cui è stato tratto il termine anglosassone yule che significa appunto Natale. Per quanto riguarda l’albero di Natale, si crede che sia stato introdotto per la prima volta in Germania.

Scopriamo alcune tradizioni e curiosità sulla festività

Nel Nord America e nelle colonie inglesi si adottarono alcuni aspetti di questa celebrazione nelle vacanze natalizie, e Sinterklaas (un antico nome della figura donante) divenne Santa Claus, o Saint Nick.

In Gran Bretagna, anche se questo nome era conosciuto veniva chiamato “Papà Natale”, mentre in Italia è Babbo Natale.

Nel folclore anglo-statunitense, questo personaggio in carne, socievole e ridanciano, arriva durante la notte di Natale su una slitta trainata da una renna, o varie renne, scende per il camino, lascia i doni ai bambini e mangia il cibo che gli hanno lasciato. Il resto dell’anno lo passa fabbricando giocattoli e ricevendo lettere sul comportamento dei bambini.

Nella tradizione francese, è chiamato Père Nöel, e la sua festa si è sviluppata in modo analogo alla tradizione anglosassone. In alcune versioni della tradizione, gli elfi lavorano in un laboratorio di giocattoli, ed in alcuni casi è anche sposato.

In molti paesi i bambini lasciano dei contenitori vuoti, riempiti durante la notte, da Babbo Natale con piccoli doni, giocattoli, caramelle, o frutta.

Negli Stati Uniti appendono sopra il caminetto una calza, che in Italia è invece lasciata per la Befana, affinché il donatore la riempia di giochi e dolciumi.

In altre culture mettono le loro scarpette fuori. Lo stesso fanno la sera prima del 6 dicembre, per la festa di San Nicola. L’usanza di portare doni non è riservata a Babbo Natale o ad altri personaggi particolari, ma si sviluppa anche attraverso uno scambio reciproco di doni, sia in ambito familiare che fra amici.

Foto di una classica casa in USA, nel giorno di Natale

Le cartoline d’auguri Natalizie

Le cartoline d’auguri natalizie sono molto popolari sia in Europa che negli USA, in parte utilizzate per mantenere relazioni con parenti ed amici distanti e con conoscenze d’affari. Molte famiglie allegano alle cartoline fotografie che ritraggono i familiari e racconti sulle vicende che le hanno accompagnate durante il corso dell’anno.

Il presepe

Il presepe (o presepio) è una fra le originalità cristiane ed è la rappresentazione scenica della Natività di Gesù Bambino. Il primo presepe fu italiano, vivente ed “animalista” ante litteram, infatti il suo ideatore fu San Francesco d’Assisi che nel 1223 a Greccio chiese ad un amico di porre in una grotta semplicemente una mangiatoia, un bue ed un asinello, affinché il popolo comprendesse de visu ed ammirasse la situazione ed il luogo dove nacque Gesù.

Decorazioni natalizie

La decorazione di un albero di Natale con addobbi e luci natalizie, l’applicazione di ghirlande, di foglie sempreverdi, di particolari agrifogli e del vischio, fanno parte della tradizione.

L’uso dell’agrifoglio è stato introdotto dalla Chiesa delle origini con l’intento di sostituire il simbolo pagano dell’albero sempreverde: le foglie dell’agrifoglio rappresentano la corona di Cristo, mentre le bacche simboleggiano le gocce di sangue che escono dal capo.

Nel nord e nel sud America, di meno in Europa, è tradizione decorare esternamente la casa con luci, slitte, fantocci ed altre figure natalizie.

Il fiore natalizio per eccellenza è la poinsettia (o stella di Natale). Ma ce ne sono altri molto popolari come l’agrifoglio, l’amarillide rossa ed il cactus di Natale.

Diverse città allestiscono o sponsorizzano decorazioni lungo le strade con luci, insegne e piazzando alberi di natale nelle piazze principali. Negli Stati Uniti, un tempo le decorazioni erano comprese nei temi religiosi.

Altre decorazioni tradizionali includono campane, candele, bastoncini di zucchero, calze di Natale, ghirlande e angeli. Sia l’esposizione di ghirlande che di candele in ogni finestra sono un’esposizione natalizia più tradizionale.

I colori tradizionali delle decorazioni natalizie sono il rosso, il verde e l’oro. Il rosso simboleggia il sangue di Gesù, che fu sparso nella sua crocifissione; il verde simboleggia la vita eterna, ed in particolare l’albero sempreverde, che in inverno non perde le foglie; e l’oro è il primo colore associato al Natale, come uno dei tre doni dei Magi, a simboleggiare la regalità.

Nei prossimi articoli parleremo di come alcune Nazioni festeggiano il Natale in modo diverso da quello che viviamo noi in Italia!