Annunciati i vincitori di Words of Wine 2023

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

È giunto alla settima edizione il premio giornalistico con cui il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo valorizza il racconto dello straordinario territorio e della grande proposta enologica che lo caratterizza

Ieri alla Tenuta Coppa Zuccari di Città Sant’Angelo sono stati annunciati i vincitori del premio giornalistico internazionale “Words of Wine – Parole di vino”.

Il riconoscimento, ideato dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo e giunto quest’anno alla settima edizione, vuole mettere in luce la capacità di narrare di tanti giornalisti che hanno colto l’occasione per parlare di questa incredibile terra attraverso i media nazionali e internazionali.

“Voglio innanzitutto ringraziare tutti coloro che hanno partecipato al concorso”, spiega Alessandro Nicodemi presidente del Consorzio. “Non è stato semplice scegliere i vincitori poiché sono arrivate davvero tante candidature, per tutte le categorie e da tutto il mondo, e ciò mi riempie d’orgoglio perché significa che vi è una grande attenzione da parte dei media che sono per noi fondamentali per arrivare al pubblico, di settore e generalista”, conclude Nicodemi.

Proprio in questi giorni un centinaio di giornalisti nazionali e internazionali stanno partecipando all’Abruzzo Wine Experience che è l’appuntamento annuale, organizzato dal Consorzio, per raccontare tutto il meglio dell’enologia regionale.

La competizione era aperta a tutti gli autori di servizi giornalistici pubblicati o mandati in onda – nell’ultimo anno – che abbiano raccontato di territori, personaggi, arte e natura abruzzesi legati ai Vini d’Abruzzo. I vincitori di questa settima edizione sono:

Per la categoria carta stampata Italia

LORENZO FRASSOLDATI – QN Quotidiano Nazionale

Per la categoria quotidiani online

LARA LORETI – Il Gusto – Gruppo GEDI

Per la categoria Web TV

ALESSANDRO REGOLI – WineNews

Per la categoria settimanali di settore

GIANLUCA ATZENI – settimanale Tre Bicchieri Gambero Rosso

Per la categoria stampa estera

TOM HYLAND – Forbes